Comunicazioni

Comunicazioni

CIRCOLARE 05/2019

LUGLIO 2019

A) Lo Studio rimarrà chiuso per le ferie estive dal 06.08.2019 al 28.08.2019 (ripresa attività lavorativa il 29.08.2019). Per i datori di lavoro che pagano le retribuzioni sul mese effettivo (in genere attorno al giorno 10 del mese successivo rispetto allo svolgimento della prestazione): le retribuzioni del mese di luglio saranno elaborate sulla base dell’orario di lavoro normalmente effettuato, salvo eventuali comunicazioni di variazione (assenze per malattia, maternità, infortunio, trasferte, straordinari, ecc.), che dovranno pervenire allo Studio entro il 22.07.2019; gli elaborati saranno disponibili dal 29.07.2019.
Per i datori di lavoro che pagano le retribuzioni sulle presenze del mese precedente: le tempistiche restano invariate per il mese di luglio, mentre per gli stipendi di agosto valgono gli accordi presi con il referente di Studio.
Ricordiamo a tutti i Clienti di fornire le presenze ed i dati utili per le elaborazioni secondo le scadenze già comunicate, al fine di permettere una corretta organizzazione del lavoro.

B) Il 31 ottobre 2019 scadrà il termine ultimo per la presentazione all’Amministrazione Finanziaria della Dichiarazione Modello 770/2019, attraverso la quale i sostituti d’imposta dichiarano le ritenute operate e versate nel corso del 2018. Tutti i dati necessari ad una corretta compilazione della Dichiarazione (estremi di versamento dei modelli F24 o dichiarazione di aver versato nei termini le ritenute dell’anno 2018, certificazioni di ritenute operate, solo se le relative Cu non sono state trasmesse dallo Studio) dovranno pervenire allo Studio entro il 06 settembre 2019.
Invitiamo, pertanto, i Clienti a contattare per qualsiasi comunicazione o chiarimento i collaboratori di Studio.
Oltre questa data lo Studio trasmetterà il modello 770/2019 con i dati in proprio possesso, inviando al Cliente apposita informativa. Ricordiamo, inoltre, che fino al 31 ottobre 2019 sarà possibile il versamento delle ritenute omesse relative all’anno 2018, maggiorate di interessi e sanzioni. Queste ultime saranno determinate in misura ridotta fino al termine ultimo di presentazione della dichiarazione, mentre, in caso di versamento successivo a tale termine, le sanzioni verranno applicate per intero (sanzione minima: il 10% delle ritenute non versate).

C) Ricordiamo che dal 1° aprile 2019 sono in vigore le nuove regole per le domande di assegno per il nucleo familiare (ANF), che dovranno essere presentate all’Inps e non più al datore di lavoro.
La domanda dovrà essere trasmessa dai lavoratori esclusivamente in via telematica mediante Pin dispositivo, o rivolgendosi a patronati ed intermediari abilitati.
In caso di mancata presentazione della richiesta telematica da parte del lavoratore, il datore di lavoro non potrà anticipare il pagamento degli assegni per il nucleo familiare in busta paga e il lavoratore non avrà diritto al regolare pagamento dell’importo degli assegni familiari spettanti. Anche il calcolo dell’importo spettante sarà effettuato direttamente dall’Inps e non più dal datore di lavoro.
Pertanto gli importi degli assegni potranno essere inseriti nei fogli paga solo quando verranno resi disponibili dall’Inps.

I collaboratori dello Studio sono a disposizione per ogni eventuale chiarimento.