Comunicazioni

1920x700 06

LEGGE DI BILANCIO 2019

circolare 02/2019
Febbraio 2019

La Legge n. 145 del 30 dicembre 2018 ha introdotto le seguenti novità riguardanti la normativa sul lavoro:

INCENTIVI ALL’ASSUNZIONE DI PERCETTORI DI REDDITO DI CITTADINZA

Ai datori di lavoro che effettuino assunzioni a tempo pieno ed indeterminato di beneficiari del reddito di cittadinanza (Rdc) è riconosciuto uno sgravio contributivo di importo pari alla differenza tra 18 mensilità di Rdc e quelle già godute dal beneficiario; il bonus può essere revocato, con richiesta della restituzione del beneficio, se il lavoratore viene licenziato per giustificato motivo oggettivo, cioè per scelta imputabile al datore di lavoro, entro 24 mesi dall’assunzione. L’importo dello sgravio non potrà essere inferiore a 5 mensilità di Rdc, il cui importo mensile è pari a 780,00 euro.

Per beneficiare dello sgravio, il datore di lavoro deve provvedere ai seguenti adempimenti:

  • pubblicare i posti di lavoro vacanti nella nuova piattaforma digitale del Rdc;
  • stipulare, se necessario, un patto di formazione presso il Centro impiego, nel quale si garantisce al beneficiario un percorso formativo o di riqualificazione professionale;
  • realizzare mediante tale assunzione un incremento netto del numero di dipendenti a tempo indeterminato.

Se la suddetta assunzione avverrà tramite un soggetto accreditato (ad esempio un Ente per la formazione), che stipuli espressamente un patto per la formazione o riqualificazione professionale del dipendente, lo sgravio sopra specificato verrà suddiviso equamente tra datore di lavoro e soggetto accreditato.

AUMENTO SANZIONI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI LAVORO

È incrementato del 20% l’importo delle sanzioni in caso di:

  • lavoratori occupati senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro;
  • violazioni della disciplina relativa alla somministrazione di lavoro, appalto e distacco;
  • violazione della durata massima dell'orario di lavoro, riposo giornaliero, riposo settimanale.

Sono aumentati del 10% gli importi dovuti per la violazione delle disposizioni del Testo Unico sulla sicurezza del lavoro (D.Lgs. n.81/2008), sanzionate in via amministrativa o penale. Tali maggiorazioni vengono raddoppiate se il datore di lavoro, nei 3 anni precedenti, sia già stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti.

CONGEDO DI PATERNITÀ

Viene elevato da 4 a 5 giorni il congedo di paternità obbligatorio, solo per le nascite o le adozioni avvenute a partire dall’anno 2019, mentre viene confermato il giorno di congedo facoltativo da fruire in sostituzione di una giornata di congedo di maternità della madre.

DETRAZIONE FIGLI A CARICO 2019 – SALE IL LIMITE DI REDDITO PER GLI UNDER 24

Dal 2019 il limite reddituale per qualificare i figli come a "carico" dei genitori viene elevato a 4.000 euro per i figli di età non superiore a 24 anni. Per i figli di età superiore, invece, il limite di reddito resta pari a 2.840,51 euro.

WELFARE AZIENDALE – ESCLUSIONE PER L’AMMINISTRATORE UNICO

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’interpello 10 del 25 gennaio 2019, ha chiarito che i benefit di welfare corrisposti all’amministratore unico di una società non possono essere esclusi dalla formazione del reddito da lavoro dipendente, perché la sua condizione lavorativa non è compatibile con la condizione di lavoratore subordinato.

Lo Studio resta a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

scarica pdf